Curia arcivescovile - Acerenza - tel. 0971 749221 - curia.acerenza@tiscali.it

Omelia

Carissimi   fratelli   e   sorelle,   carissimi   figli,   amati   presbiteri,   diaconi,      religiosi   e   religiose,   cari   seminaristi, ancora   spettabili   Autorità   di   ogni   ordine   e   grado,   convenuti   qui   nella   famosa      basilica   cattedrale   di Acerenza,   dal   cui   nome   e   dalla   cui   fama,   secondo   alcuni   prende   nome   la   stessa   Basilicata.   Sono venuto,   siamo   venuti   in   gioioso   pellegrinaggio   in   questo   Giubileo   straordinario   della   misericordia,   in questa   già   tanto   amata   Città   e   in   questa      nobilissima   Arcidiocesi,   per   invocare   indulgenza   e   pietà   dalla maestà   di   Dio   SS.   Trinità   Amore:   Cristo,   misericordiae    vultus ,   volto   di   misericordia   del   Padre,   non   ci   farà mancare   la   luce   del   divino   santo   Spirito.   Siamo   qui,   alla   cattedra   di   S.Canio,   insignita   della   dottrina   del vescovo e imporporata del sangue del martire. Chi   poteva   immaginare   solo   poco   tempo   fa?   Chi   osava   desiderarlo?   Chi   poteva   avere   l’audacia   di prevenire   i   pensieri   di   Dio?   Ben   lo   afferma   il   brano   del   libro   della   Sapienza   che   in   questa   domenica XXII   del   tempo   ordinario   viene   proclamato   nella   prima   lettura:   “Quale   uomo   può   conoscere   il   volere   di Dio?   chi   può   immaginare   cosa   vuole   il   Signore?   ...   i   nostri   ragionamenti   sono   timidi   e   incerte   le   nostre riflessioni...Chi   può   investigare   le   cose   del   cielo?..”   Nessuno   può   conoscere   il   volere   di   Dio   se   Egli stesso   non   gli   donasse   la   sapienza   e   dall’alto   non   gli   inviasse   il   suo   santo   Spirito.   La   sapienza   è   Cristo, il   santo   Spirito   di   Dio   è   il   Paraclito.   Il   Capitolo   della   cattedrale   gentilmente   mi   ha   voluto   donare   l’anello sponsale   del   Vescovo:   ringrazio   e   saluto   i      reverendissimi   canonici   nella   persona   del   presidente   mons. Antonio   Cardillo.   Nell’anello   aureo   a   forma   di   croce   vi   è   raffigurato   Cristo   pantocràtor ,   il   Signore dell’universo,   con   le   lettere   Alfa   e   Omega,   principio   e   fine,   e   l’iscrizione   greca   Jesoùs    Christòs    nika ,   Gesù Cristo   vince.   Si,   siamo   qui   perché   Gesù   Cristo   è   il   Signore   della   nostra   vita,   solo   lui   è   il   primo   e   l’ultimo, il   definitivo   della   nostra   esistenza   e   del   nostro   essere.   E’   sua   la   vittoria   sul   male,   sulla   morte,   su satana.   Con   la   sua   morte   e   risurrezione,   con   la   sua   Pasqua,   ha   vinto   le   tenebre   e   ci   ha   accolti   nella   sua ammirabile   luce.   E’   lui   che   vince,   che   mi   ha   vinto,   che   mi   ha   con-   vinto,   che   convince   tutti   noi   non   con la forza, ma con il fascino della sua grazia e del suo amore.    Eccomi.   Sono   qui,   per   il   ministero   episcopale,   servo   della   santa   Chiesa   che   è   in   Acerenza.   L’apostolo Paolo,   scrivendo   ai   cristiani   di   Corinto,   nella   brano   della   seconda   lettera   che   abbiamo   proclamato   in questa   sacra   liturgia,   ci   illustra   chiaramente   nello   Spirito   Santo,   quale   è   la   mia   missione   insieme   a   voi, carissimi   fratelli   e   sorelle   in   Cristo,   nell’unico   dono   battesimale   e   crismale.   Cari   sacerdoti,   abbiamo questo   ministero   per   la   infinita   misericordia   di   Dio,   per   questo   di   fronte   a   tale   compito   cosi   enorme   e inimmaginabile   non   ci   perdiamo   d’animo.   Al   contrario,   ci   esorta   l’apostolo   a   nome   del   Signore,   a rifiutare   le   dissimulazioni   vergognose,   i   comportamenti   astuti,   la   falsificazione   della   parola   di   Dio,   anzi annunciando    apertamente    la    verità    davanti    alla    coscienza    umana    e    al    cospetto    di    Dio.    Noi    non annunciamo   noi   stessi,   io   non   sono   venuto   per   annunciare   me   stesso,   noi   tutti   in   questa   splendida basilica   non   siamo   venuti   per   annunciare   noi   stessi:   io,   noi,   voi,   siamo   qui   per   annunciare   Cristo   Gesù Signore,   Via   ,   Verità   e   Vita.   Io   vescovo   sono   il   vostro   servitore,   non   a   causa   mia   o   di   altri,   ma   a   causa   di Gesù.   Poi   san   Paolo,   apostolo   di   Cristo,   ci   ammonisce   e   ci   fa   tremare:   noi   siamo   vasi   di   creta!   Si,   siete venuti   da   tanto   lontano   per   accogliere   e   salutare   la   mia   povera   e   fragile   persona,   un   vaso   di   creta, esposto   alla   possibilità   di   frantumarsi   in   ogni   istante.   Ma   l’Apostolo   non   si   riferisce   solo   a   me,   ma   a tutti    noi:    è    terribilmente    vero,    siamo    dei    deboli,    ordinari    vasi    di    creta.    Allora    questa    magnifica manifestazione    sarebbe    del    tutto    inutile    e    paradossale.    Ma.    C’è    un    “ma”    che    fa    la    potente    e straordinaria   differenza.   Io   Francesco,   piccolo   vaso   di   creta,   voi   cari   fratelli   nel   battesimo   e   nel   sacro ordine,   nella   nostra   fragilità   portiamo   un   immenso   tesoro:   la   conoscenza   della   gloria   di   Dio   sul   volto di   Cristo!   Quante   volte   ho   gridato   al   Signore:   sono   un   vaso   di   creta!   Sono   soltanto   un   vaso   di   creta! Cosa   vuoi   da   me?   E   Lui   ha   mi   ha   sempre   risposto:   “   Vermiciattolo   d’Israele,   ti   basta   la   mia   grazia,   nella tua   debolezza   manifesto   la   mia   forza!”.   E’   così,   e   piego   il   capo   davanti   a   tanta   misericordia,   affinché appaia   che   questa   straordinaria   potenza   appartiene   a   Dio   e   non   viene   da   noi,   e   finalmente   rifulga   la luce dalle tenebre, rifulga nei nostri cuori.      Nel    brano    del    Vangelo    odierno    di    S.    Luca,    proclamato    solennemente    in    questa    antica    e    bella cattedrale,   in   questa   città   posta   sul   monte   perché   tutti   possano   vederla,   abbiamo   ascoltato   che   una folla   numerosa   andava   con   Gesù:   come   siamo   adesso,   un   popolo   numeroso,   il   popolo   di   Dio,   che cerca   il   suo   Pastore,   il   suo   Pastore   bello   e   buono.   Facciamo   sempre   così:   stringiamoci   numerosi   e fiduciosi   attorno   al   Cristo,   il   pastore   grande   delle   pecore,   il   vescovo   delle   nostre   anime,   che   mette   al sicuro   nell’ovile   le   novantanove   e   va   in   cerca   di   quell’unica   perduta   fra   i   dirupi   e   le   spine,   preda   del freddo,   della   fame   e   dei   lupi.   Siamo   felici   di   andare   con   Gesù,   lui   è   la   luce   del   mondo,   chi   lo   segue   non cammina   nelle   tenebre,   ma   avrà   la   luce   della   vita.   Ad   un   tratto,   afferma   il   sacro   testo,   Egli   si   voltò verso   i   discepoli   e   la   folla   e   disse,   anche   adesso   il   Signore   si   volge   verso   di   noi   e   ci   parla,   ci   da   il programma,   da   il   programma   a   me   ,   ai   cari   sacerdoti   qui   radunati,   ai   fedeli   laici,   agli   uomini   di   buona volontà   di   questa   amata   comunità   diocesana:   “   Se   uno   viene   a   me   e   non   mi   ama   più   di   quanto   ami” tutti   gli   altri   e   tutto   il   resto,   “   e   perfino   la   propria   vita,   non   può   essere   mio   discepolo”.   La   sequela   di Cristo,   l’andare   con   lui,   è   questione   di   amore,   un   amore   totale,   appassionato,   libero,   esigente,   per questo   gratificante.   Lui   non   ci   chiede   di   togliere   agli   altri,   alle   persone   più   care   di   questa   vita;   non   ci chiede   di   deprezzare   il   mondo   da   lui   creato,   di      disprezzare   la   vita   che   lui   ci   ha   donato,   ma   ci   chiede   di amare   di   più,   di   donarci   di   più,   di   offrire   tutto   di   noi   a   lui,   di   imparare   da   lui   che   è   mite   e   umile   di cuore,   di   poggiare   il   nostro   capo   sul   suo   cuore   e   ricevere   soltanto   da   lui      quella   intensità   di   amare   di più   gli   altri   anche   a   costo   della   propria   vita.   Il   Signore   Gesù   nel   suo   vangelo   ci   dona   il   programma   del mio   episcopato   e   del   nostro   cammino   diocesano:   “Colui   che   non   porta   la   propria   croce   e   non   viene dietro   di   me,   non   può   essere   mio   discepolo...Chiunque   di   voi   non   rinuncia   a   tutti   i   suoi   averi   ,   non   può essere    mio    discepolo”.    E    cosa    è    questa    croce?    Questo    incarico    che    dobbiamo    tutti    portare,    se vogliamo   essere   veri   discipuli    Domini ?   Cos’è   questa   morte   quotidiana   che   ci   porta   alla   vera   vita? Questo   pellegrinaggio   giubilare   che   dobbiamo   percorrere   dietro   di   Lui   portando   il   peso   della   croce? Cos’è   questa   rinuncia   totale   al   nostro   avere   e   ai   nostri   averi?   E’   la   rinuncia   al   nostro   io,   il   nostro   io egocentrico,   chiuso,   sordo,   violento,   terrorista.   Cristo   mette   questa   condizione,   questa   conditio    sine   qua    non ,   per   seguirlo   veramente   e   sinceramente:   c’è   in   noi,   nel   profondo   del   nostro   cuore,   c’è   sempre qualcosa   che   ci   isola   da   Lui,   che   ci   imprigiona,   che   ci   schiavizza   ed   aliena,   che   ci   rende   lontani   da   Dio   e dai      fratelli,   in   una   parola      c’è   il   peccato,   che   è   l’idolatria   di   noi   stessi.   Il   peccato,   come   afferma   S. Agostino,   è   amor    sui    usque    ad    contemptum    Dei ,   amore   di   sé   fino   al   rifiuto   di   Dio,   mentre   la   fede   viva   è amor    Dei    usque    ad    contemptum    sui ,   amore   di   Dio   fino   al   sacrificio   di   sé.   Chi   vuol   salvare   la   propria   vita con   l’egoismo,   cioè   senza   Dio   e   il   suo   Cristo,   la   perde   per   l’eternità,   chi   invece   la   perde   per   Cristo,   cioè la   dona   a   lui   totalmente,   la   guadagna   per   sempre:   lo   assicura   il   Signore.   Alla   luce   di   tutto   quanto ascoltiamo   nella   parola   di   Dio   e   nel   magistero   della   Chiesa   viene   l’agire;   prima   il   silenzio   dell’ascolto, poi    la    sicurezza    dell’azione;    prima    il    discernimento    della    comunione    e    della    autorità,    poi    l’opera congiunta   e   fraterna;   prima   l’umiltà   del   confronto   e   del   dialogo   e   poi   la   gloria   del   successo   e   del risultato.   Lo   dice   Gesù   nel   vangelo   odierno:   “   Chi   di   voi   volendo   costruire   non   siede   prima   a   calcolare e   a   vedere   se   ha   i   mezzi?...Non   siede   prima   ad   esaminare   se   può   affrontare?...Per   evitare   che   se   getta le   fondamenta   e   non   è   in   grado   di   finire   il   lavoro,   tutti   coloro   che   vedono   comincino   a   deriderlo, dicendo   –   Costui   ha   iniziato   a   costruire,   ma   non   è   stato   capace   di   finire   il   lavoro”.   Il   Vangelo!   Il   Vangelo ci    indica    tutto:    dobbiamo    ascoltare    insieme,    pregare    insieme,    programmare    insieme,    lavorare insieme,    soffrire    insieme,    gioire    insieme,    portare    il    giogo    dolce    e    leggero    di    Cristo    e    con    Cristo insieme,   fedeli   chierici   e   fedeli   laici.   Dio   ci   scampi   di   essere   tutti,   sacri   ministri   e   fedeli   laici,   derisi   e biasimati d’aver mancato al dovere e al piacere della comunione fraterna e del servizio vicendevole.                  Per   il   resto,   miei   cari   fratelli   e   sorelle,   io   sono   vostro,   voi   siete   di   Cristo   e   Cristo   è   di   Dio.   L’Arcidiocesi mi   ha   donato   il   prezioso   pastorale:      ringrazio   il   Collegio   dei   Consultori   e   ringrazio   tutti   nella   persona del    carissimo    e    reverendissimo    canonico    don    Filippo    Nicolò,    rettore    del    Seminario    maggiore    di Basilicata.   Don   Filippo   per   quasi   tre   anni   ha   retto   come   presbitero   amministratore   questa   fervida   e devota   comunità   cattolica   diocesana,   collaborato   alacremente   dalla   curia,   dagli   uffici,   dai   parroci   e   gli altri     presbiteri,     dai     diaconi     e     dagli     altri     organismi     operanti     in     sede     vacante,     compresa     la partecipazione   dei   fedeli   laici.   Gli   siamo   tutti   debitori   di   affetto,   gratitudine,   stima:   il   Signore,   che ricompensa   chi   serve   in   umiltà,   gli      conceda   abbondanti   frutti   di   grazia   e   di   gaudio   interiore   nel continuare   la   sua   missione   di   educatore   dei   giovani   presbiteri   della   Basilicata,   pur   continuando   a donare   il   suo      saggio   ed   esperto   contributo      al   nostro   presbiterio   e   alla   diocesi.   Ebbene   il   prezioso pastorale,   con   l’effige   di   Maria   SS.   Immacolata   Assunta   in   cielo   in   anima   e   corpo,   di   S.   Canio   nostro glorioso   patrono   ,   di   S.   Francesco   di   Assisi   e   di   S.   Francesco   di   Paola,   miei   personali   protettori,   mi ricorderà    sempre    che    io    sono    in    Cristo    il    vostro    pastor     e    il    vostro    auctor ,    nel    senso    che    debbo prodigarmi   con   tutte   le   mie   forze   per   procurarvi   il   “pasto”,      il   cibo   salutare   che   proviene   dalla   bocca   e dalle   mani   di   Cristo,   ossia   la   parola   di   verità   e   i   sacramenti   di   carità,   nel   contempo   sono   chiamato   a impegnarmi   quanto   più   posso   a   farvi   crescere   nella   via   dei   comandamenti   e   della   testimonianza cristiana,   difendendovi   con   il   pastorale   dagli   errori,   abusi   e   nemici   che   purtroppo   non   lasciano   tregua al   gregge   del   Signore   .   Il   mio   preesse    deve   essere   prodesse ,   direbbe   il   vescovo   S.   Agostino,   il   mio   essere a   capo      deve   essere   necessariamente   un   essere   ultimo   nel   servizio   a   favore   di   tutti   voi,   che   Dio   nella sua   bontà   infinita   e   provvidente   mi   ha   affidato.   Ma   anche   io   sono   affidato   a   voi   da   Dio.   Vi   chiedo   di accogliermi,   amarmi,   custodirmi,   comprendermi,   perdonarmi:   esercitiamoci   a   vivere   reciprocamente le   quattordici   opere   di   misericordia   a   cui   questo   anno   santo   speciale   ci   invita   pressantemente.      Mi sento   unito   al   papa   Francesco,   a   cui   con   il   lumen    fidei    e   con   amoris    laetitia ,   esprimo   a   nome   di   tutti,   la gioia   della   comunione   e   dell’obbedienza:   mi   ha   scelto   e   ci   ha   scelti   per   camminare   in   Cristo   per   le   vie, per   i   centri   e   per   le   periferie   dell’arcidiocesi   e   del   mondo,   dei   cuori   umani   e   delle   attese   dei   più   deboli e   dei   più   piccoli   tra   di   noi.   Mi   sento   unito   e   ci   sentiamo   uniti   all’arcivescovo   metropolita   di   Potenza, S.E.R.   mons.   Salvatore   Ligorio,   e   a   tutti      gli   Arcivescovi   e   Vescovi   della   Conferenza   Episcopale   di Basilicata,   nonché   ai   reverendissimi   Vescovi   emeriti   lucani,   fra   i   quali   mons.   Michele   Scandiffio   e mons.   Francesco   Cuccarese-   mons   Francesco   Pio   Tamburrini,   Arcivescovo   emerito   di   Foggia-Bovino, nativo   di   Oppido   Lucano.   Mi   sento   unito   e   ci   sentiamo   uniti   al   caro   vescovo   Mons.   Giovanni   Ricchiuti,     ora   vescovo   di   Altamura-Gravina-Aquaviva   delle   Fonti,   mio   predecessore   vescovo,   che   con   giovialità coinvolgente   e   impegno   fattivo   ha   guidato   nel   Signore   l’Arcidiocesi   acheruntina.   Ci   sentiamo   uniti   a tutta   la   Chiesa   una,   santa   ,   cattolica   e   apostolica,   Sposa   di   Cristo,      fuori   di   essa   non   c’è   salvezza. Aderiamo   con   la   mente   e   con   il   cuore   alla   comunione   dell’unica   fede,   alla   grazia   dei   sette   sacramenti   e alla   via   dei   dieci   comandamenti,   nella   costante   preghiera   che   il   Signore   Gesù   ci   ha   insegnato   di rivolgere   al   Padre   nostro   che   è   nei   cieli.   Mi   ha   sempre   colpito   un   episodio   della   vita   della   beata   Teresa di   Calcutta,   ormai   prossima   alla   canonizzazione.   Un   giornalista   le   chiedeva   quali   e   quanti   fossero   i problemi    più    gravi    del    mondo,    lei    lapidariamente    rispose:”    Due.    La    mia    e    la    sua    conversione!”. L’impegno   principale   della   nostra   vita   e’   la   nostra   permanente   e   continua   conversione:   “   Il   tempo   è compiuto,   il   regno   dei   cieli   è   vicino,   convertitevi   e   credete   al   Vangelo”,   parola   di   Gesù.   Mi   affido   alla potente   intercessione   di   Maria   SS.   sempre   Vergine,   Madre   di   Dio   e   della   Chiesa,   tanto   venerata   e amata   in   Basilicata   e   nella   nostra   Arcidiocesi,   alla   intercessione   di   S.   Canio,   S.   Mariano,   S.   Laviero,   del beato   Egidio   da   Laurenzana,   del   beato   Domenico   Lentini   che   sempre   mi   suggerì   questa   sua   parola:” Gesù   Cristo   è   il   mio   bene,   Gesù   Cristo   è   il   mio   tesoro,   Gesù   Cristo   è   il   mio   tutto!”.   Sia   lodato   Gesù Cristo!
News...

Nomina dell’Arcivescovo di

Acerenza - 20.5.2016

Il Santo Padre Francesco ha nominato Arcivescovo di Acerenza (Italia) Rev.do Mons. Francesco Sirufo, attuale Amministratore diocesano di Tursi-Lagonegro (Italia).
leggi tutto leggi tutto Benvenuto
News

Gloria al Padre, al Figlio e

allo Spirito Santo

Carissimi fratelli e sorelle, amati figli, venerati padri, «grazia, misericordia e pace siano con noi da parte di Dio Padre e da parte di Gesù Cristo, Figlio del Padre, nella verità e nell’amore (2Gv 1,3). Con queste parole della Scrittura saluto tutti i fedeli dell’antica, belle e celebre città e arcidiocesi di Acerenza, sia i sacri ministri che i cristiani laici. Saluto inoltre le spettabili autorità civili, di ordine pubblico e di sicurezza sociale, unitamente ai responsabili di istruzioni educative, culturali e sociali, che servono il bene comune dell’intera popolazione diocesana. Nel Giubileo straordinario della Misericordia, Sua Santità Papa Francesco si è degnato di scegliere la mia umile persona come vostro fratello, padre e amico nella missione episcopale presso di voi. Immaginate la mia trepidazione, ma confido totalmente nella bontà dell’eterno Padre, nella potenza di Cristo Risorto e nella luce del Santo Spirito: adoro l’unico Dio Amore nella ineffabile Trinità delle Persone.
leggi tutto leggi tutto
Ordinazione Episcopale di S.E. Mons. Francesco Sirufo Tursi, 20 agosto 2016
galleria fotografica galleria fotografica

Benedizione

E’   il   momento   della   benedizione   e   del   saluto   finale.   Ti   benedico   e   chiedo   la   tua   benedizione   cara   mamma,   benedico   e   prego   te   caro   papà   che   con   la sorellina   Maddalena   e   i   cari   nonni   stai      nella   luce   e   nel   riposo   eterno,      benedico   il   mio   fratello      Egidio   e   la   moglie   Teresa   con   le   care   nipoti   Ilaria   e   Alessia insieme   ai   fidanzati,   benedico   i   miei   cari   zii   e   cugini,   parenti   e   congiunti   tutti,   amici   e   conoscenti   che   oggi   hanno   compiuto   il   pellegrinaggio   giubilare     nella   città   cattedrale   di   Acerenza.      Grazie   per   l’affetto   e   l’esempio   che   mi   avete   dato   e   che   mi   darete   ancora:   Dio   vi   ricompensi.   Benedico   e   chiedo   la santa   benedizione   a   voi   cari   fratelli   presbiteri   convenuti   dalla   diocesi   di   origine   di   Tursi-Lagonegro   e   da   altre   diocesi,   e   specialmente   a   voi   miei   cari presbiteri   della   nostra   arcidiocesi:   don   Filippo   Nicolò,   don   Antonio   Cardillo,   don   Domenico   Venezia,   don   Giuseppe   Lettini,   don   Pierpaolo   Cilla,   don   Canio Forenza,   don   Egidio   Cafarelli,   don   Antonio   Giganti,   don   Nicola   Moles   senior,   don   Michele   Perriello,   Don   Vincenzo   Agatiello,   don   Teodosio   Avigliano,   don Domenico   Baccelliere,   don   Domenico   Beneventi,   don   Giuseppe   Calabrese,   don   Michele   Cillis,   don   Gaetano   Corbo,   don   Fausto   Corradini,   don   Enzo Fiore,   don   Tommaso   Fradusco,   don   Donato   Glisci,   don   Giuseppe   Greco,   don   Giuseppe   Maraula,   don   Cesare   Mariano,   don   Francesco   Martoccia,   don Nicola   Moles   iunior,   don   Nicola   Moles   ancora   più   iunior,   don   Teodosio   Muscio,   don   Francesco   Paolo   Nardone,   don   Giuseppe   Nardozza,   don   Pasquale Orlando,   don   Alessandro   Paradiso,   don   Antonio   Romano,don   Antonio   Rossi,   don   Domenico   Santomauro,   don   Nicola   Scioia,   don   Gaetano   Statuto,   don Giordanon   Stigliani   e   gli   altri   presbiteri   oriundi   della   arcidiocesi   e   operanti   altrove   a   servizio   della   Chiesa.   Benedico   i   diaconi   don   Nino   Di   Bari   e   don Samuel   Corniola,   prossimo   ormai   alla   ordinazione   presbiterale.   Benedico   tutti   voi   religiosi   e   religiose   che   servite   la   arcidiocesi   con   il   vostro   carisma   e   ci indicate   con   i   consigli   evangelici   la   via   del   cielo.   Benedico   tutti   voi   carissimi   fedeli   laici   della   arcidiocesi   di   Acerenza,   come   singoli,   come   famiglie   fondate sulla   santità   del   matrimonio,   come   associazioni   e   movimenti   cattolici,   fra   i   quali   l’Azione   Cattolica.   Benedico   i   fedeli   laici   provenienti   dalla   diocesi   di Tursi-Lagonegro,   specie   da   Viggianello,   Castelluccio,   Lauria   e   Senise,   e   da   altri   centri.   Una   speciale      benedizione   per   tutti   i   paesi   e   le   cittadine   della Arcidiocesi,    le    parrocchie    e        le    comunità:    Acerenza,    Anzi,    Banzi,    Brindisi    di    Montagna,    Calvello,    Cancellara,    Castelmezzano,    Genzano    di    Lucania, Laurenzana   ,   Oppido   Lucano,   Palazzo   S.   Gervasio,   Pietragalla   con   la   frazione   di   S.   Giorgio,   Pietrapertosa,   san   Chirico   Nuovo,      Tolve,   Trivigno,   Vaglio   di Basilicata. Ci vedremo al più presto per camminare insieme sulle vie del Vangelo. Benedico tutti nel nome del Signore. Grazie, grazie.

Saluto alle Autorità

Rivolgo   anche   io,   a   nome   della   chiesa   diocesana   di   Acerenza,   un   rispettoso   saluto   ai   responsabili   della   comunità   politica,   dell’ambito   amministrativo, dell’ordine   pubblico,   della   sicurezza   sociale.   Rivolgo   il      saluto   di   amicizia   e   di   collaborazione   alle   autorità   della   cultura,   della   pubblica   istruzione,   della beni artistici e architettonici, della sanità, della ambiente, di ogni altro ambito della competenza pubblica. Spett.li   autorità   civiche,   gentile   sindaco   di   Acerenza   dott.   Fernando   Scattone,   gentile   presidente   della   provincia   dott.   Nicola   Valluzzi,   gentile   dottor Pietrantuono rappresentante  del Presidente della Regione dott. Marcello Pittella, a cui auguriamo nella preghiera serenità e salute....... Grazie   delle   espressioni   di   stima   e   di   saluto   indirizzate   alla   mia   umile   persona,   che   accolgo   anche   come   dedicate   a   questa   gloriosa   comunità   diocesana, nella   sua   componente   di   clero,   religiosi   e   cristiani   laici.   L’uomo   è   unità   nella   sua   dimensione   fisica   e   spirituale,      nello   nostro   specifico      cittadino   e cristiano,   serviamo   insieme   tutto   l’uomo   nella   sua   integrità   e   dignità   incomparabile.   Tutti   voi,   spettabili   Autorità,   siete   chiamati   a   governare   la   comunità civile,   il   Signore   nostro   Dio   vi   illumini   la   mente   e   il   cuore   per   cercare   il   bene   comune   nella   vera   libertà   e   nella   vera   pace.   Certi   che   le   speranze   degli uomini   e   i   diritti   dei   popoli   sono   nelle   mani   di   Dio,   questa   Chiesa   diocesana   acheruntina   invoca   lo   sguardo   benigno   del   Padre   celeste   su   di   voi   tutti affinché   possiate   sempre   di   più   promuovere   nella   nostra   società   lucana   una      pace   duratura,   il   progresso   sociale,   la   libertà   religiosa.   E   tutto   ciò   operatelo nella   laicità   che   significa   promozione   della   libertà   e   della   verità   nella   società   umana,   e   lucana   in   particolare.   La   missione   della   Chiesa   è   di   proporre   e cercare   di   realizzare   il   disegno   di   amore   di   Dio   per   l’umanità,   il   disegno   di   misericordia   di   Dio   per   l’umanità,   si   dice   giustamente   in   questo   Giubileo straordinario   della   misericordia:   questo   meraviglioso   e   commovente   disegno   inizia   dalla   persona   umana,   dall’uomo   e   dalla   donna,   dalla   loro   unione   e famiglia.   Si,   noi   offriamo   tutto   il   nostro   impegno,   il   nostro   sacrificio   e   la   nostra   viva   collaborazione   per   la   famiglia   dell’uomo   e   della   donna,   dello   sposo   e della sposa, del padre e della madre, dei genitori  e dei figli, dei giovani e degli anziani. Cari   governanti   della   res    publica       in   Basilicata:   famiglia   vuol   dire   lavoro   e   pane,   vuol   dire   scuola   e   istruzione   e   cultura,      vuol   dire   sanità   e   strutture adeguate,   vuol   dire   sicurezza   e   pace,   vuol   dire   giustizia   sociale   e   difesa   dei   poveri   e   dei   più   deboli,   vuol   dire   cura   dei   ragazzi   e   dei   giovani,   vuol   dire salvaguardia   dell’ambiente,   vuol   dire   accoglienza   e   solidarietà,   vuol   dire   serietà   della   vita   e   gioia   di   vivere,      vuol   dire   servizio   e   dedizione   a   questa   cara popolazione   che   tanto   ha   sofferto   nella   sua   lunga   e   nobile   storia,   che   tanto   ha   faticato   per   ritrovare   la   propria   dignità,   tra   calamità   naturali,   vicende storiche avverse, scelte governative non sempre consone, tra doveri sempre richiesti e diritti molto spesso negati. Cari   governanti   e   dirigenti   della   polis   lucana,   vi   auguriamo,   e   preghiamo   per   questo   il   Re   dei   re   e   il   Signore   dei   signori,   ancora   più   coraggio,      ancora   più saggezza   e   competenza,   ancora   più   impegno   e   lungimiranza:   tutto   questo   già   vi   distingue   e   vi   onora,   ma   bisogna   osare   e   operare      sempre   di   più.   Io   amo la   Basilicata,   dal   Vulture   al   Pollino,   dal   Tirreno   allo   Ionio,   amiamola   insieme,   serviamola   insieme,      per   essa   soffriamo   insieme,   con   essa   gustiamo   la   gioia meritata dopo il servizio umile e tenace a questo popolo civile e cristiano. Grazie infinite e camminiamo.