Curia arcivescovile - Acerenza - tel. 0971 749221 - curia.acerenza@tiscali.it
Tolve, 1 ottobre 2016 Omelia per il giubileo diocesano delle aggregazioni diocesane dei cristiani laici (associazioni, movimenti, gruppi, confraternite, volontariato cristiano). “Gaudet   Mater   Ecclesia!”,   voglio   esclamare   anche   io   con   le   parole   del   papa   san   Giovanni   XXIII alla   apertura   del   Concilio   Vaticano   II.   Gioisce   la   Madre   Chiesa,   questa   Chiesa   diocesana   nel Giubileo   straordinario   della   Misericordia   convocando   qui   in   Tolve,   al   santuario   diocesano   di   s. Rocco    e    luogo    geografico    centrale    dell’Arcidiocesi,    i    fedeli    laici,    specie    le    associazioni,    i movimenti,   i   gruppi,   le   confraternite,   i   volontariati,   tutte   le   aggregazioni   dei   fedeli,   l’Azione Cattolica,    che    fanno    gioire    con    la    loro    fede    e    testimonianza    cristiana    tutte    le    comunità parrocchiali    e    la    Comunità    diocesana.    Grazie,    grazie    per    la    vostra    presenza,    carissimi, accompagnati   dai   parroci   che   oggi   hanno   potuto   lasciare   gli   impegni   parrocchiali,   guidati   dai vostri   responsabili   e   consigli   di   associazione,   assistiti   dalle   religiose,   accolti   dalla   parrocchia santuario   del   Santo   pellegrino,   S.   Rocco,   che   dalla   Francia   fece   il   cammino   del   Giubileo   alla volta   della   Città   eterna,   Roma,   per   visitare   la   tomba   dei   SS.   Apostoli   Pietro   e   Paolo   e   il   soglio del   Papa,   successore   del   Principe   degli   Apostoli      e   pastore   della   Chiesa   universale.   Grazie   al parroco   don   Enzo   e   al   vicario   don   Francesco,   al   clero   di   Tolve,   ai   collaboratori   parrocchiali,   alle autorità    civiche    per    l’organizzazione    e    l’ospitalità.    Domenica    27°    del    tempo    per    annum: “Ascoltate   oggi   la   voce   del   Signore”,   abbiamo   acclamato   al   salmo.   Dunque   siamo   radunati   in questa   occasione   del   Giubileo   diocesano,   a   questa   solenne   Eucaristia,   per   ascoltare   la   parola del   nostro   buon   Pastore,   Gesù   Cristo,   misercordiae    Vultus ,   volto   di   misericordia   del   Padre. Cosa   ci   suggerisce   lo   Spirito   Santo      a   termine   e   coronamento   del   nostro   pellegrinaggio? Anzitutto   ci   comunica   il   messaggio   della   penitenza   e   della   speranza.   La   prima   lettura,   libro   del profeta   Abacuc,   ci   esorta   a   pentirci   della   violenza,   dell’iniquità,   dell’oppressione,   della   rapina, della   lite,   della   contesa   ed   invocare   aiuto   dal   Signore   perché   ascolti   questa   umanità   ferita   e dolorante.   Il   Signore   ci   rassicura   che   non   mentisce   e   ci   promette   che   soccomberanno   coloro che   non   hanno   l’animo   retto   e   il   giusto   invece   vivrà   di   fede.   Fratelli,   sorelle,   cari   laici   associati, portiamo   la   pace   nella   società   in   cui   viviamo,   impegniamoci   per   la   giustizia,      lavoriamo   per   la concordia,   sia   a   livello   ecclesiale   ,   sia   a   livello   sociale.   Quanta   violenza   oggi   sentiamo   attorno, fra   le   nazioni,   nella   nostra   Europa   e   nella   nostra   amata   Italia,   a   volte   anche   nei   nostri   ambienti familiari,    lavorativi,    sociali:    discepoli    di    Cristo,    tralci    uniti    alla    vite,    operai    nella    vigna    del Signore,   cari   battezzati   e   cresimati,   coraggio!   Portate   il   frutto   della   comunione   e   della   carità ovunque   vi   troviate,   in   parrocchia,   nel   paese,   nei   quartieri,      nelle   famiglie.   Ma   per   realizzare quanto   contenuto   in   questo   progetto   di   vita,   occorre   tanta   fiducia   e   fede   in   abbondanza.   E’   la domanda   che   gli   apostoli   rivolgono   al   Signore,   come   racconta   il   Vangelo   odierno   di   S.   Matteo. “Accresci   in   noi   la   fede!”   è   la   preghiera   che   deve   risuonare   ancora   di   più   nelle   aggregazioni   dei fedeli,   è   l’implorazione   che   si   eleva   in   questo   Anno   Santo   e   che   deve   essere   espressione   di ogni   giorno,   il   desiderio   di   ogni   cattolico   da   far   fiorire   sulle   labbra   ad   ogni   respiro.   Perché   la perfezione   della   fede   è   ciò   che   vogliamo   più   di   ogni   altra   cosa,   la   fede   nel   Figlio   di   Dio,   Cristo Signore,   che   è   morto   e   risorto   per   noi.   Chiediamogli   con   tutto   il   cuore   almeno   la   fede   quanto un    granellino    di    senape    e    potremo    spostare    le    montagne    dell’orgoglio,    della    superbia, dell’egoismo,   della   vendetta,   dello   sfruttamento   dei   poveri   e   degli   innocenti.   Chiediamo   al Signore   quella   fede   umile   e   serena   del   servizio   verso   il   prossimo,   senza   accaparrare   diritti   e interessi,   stringiamoci   le   vesti   ai   fianchi   e   serviamo   Cristo   nei   fratelli   più   piccoli,   eseguiamo con   prontezza   e   senza   stanchezza   l’ordine   ricevuto   da   Cristo   di   amarci   gli   uni   gli   altri   come   Lui ci   ama,   ritenendoci   servi   inutili,   ossia   servi   non   per   la   propria   utilità,   ma   soltanto   per   amore   di Dio   e   degli   altri.   Le   associazioni,   i   movimenti,   i   gruppi,   le   confraternite,   le   organizzazioni   di volontariato   cristiano,   nelle   parrocchie   e   nella   Chiesa   servono   per   gli   altri.   Non   la   chiusura   nel proprio   gruppo   e   nel   proprio   carisma,   ma,   formati   nel   gruppo   e   nel   carisma,      si   diventa   pronti ad   aprirsi   agli   altri   fedeli   e   alla   società   per   l’evangelizzazione,   la   testimonianza   e   la   carità smisurata   verso   i   bisogni   spirituali   e   materiali   di   chi   ci   sta   accanto.   Il   papa   Francesco   ha pensato   il   Giubileo   per   questo   fine:   si   riceve   misericordia   e   indulgenza   dal   Signore   e   si   dona questa   misericordia   e   indulgenza   agli   altri,   specialmente   coloro   che      ci   sono   un   po’   ostici, lontani,   rancorosi,   indifferenti.   Abbiamo   ricevuto   il   dono   della   fede   nel   Battesimo.   San   Paolo, nella   seconda   lettura,   un   brano   della   lettera   a   Timoteo,   ci   ricorda   di   ravvivare   il   dono   di   Dio, non   in      spirito   di   timidezza,   ma   di   forza,   di   carità   e   di   prudenza.   Non   dobbiamo   vergognarci della   testimonianza   cristiana,   specie   nel   mondo   odierno   che   spesso   accantona   ed   emargina   il riferimento   alla   fede,   ma   con   la   forza   di   Dio   soffriamo   insieme   per   il   Vangelo.   L’Apostolo   ci esorta   ancora   a   prendere   come   modello   i   sani   insegnamenti,   di   custodire   il   bene   prezioso   che ci   è   stato   affidato,   con   la   fede   e   l’amore   che   sono   in   Cristo   Gesù:   sono   le   esperienze   e   i   sacrifici vissuti   nelle   vostre   associazioni,   con   l’ispirazione   originaria   che   le   contraddistingue;   sono   le riunioni   formative   e   i   cammini   di   spiritualità;   sono   le   pie   pratiche   e   le   devozioni   che   voi   vivete; sono   la   dedizione   e   la   partecipazione   alla   vita   parrocchiale   con   i   vostri   parroci   e   assistenti; sono   le   opere   di   misericordia   spirituale   e   corporale   che   nel   silenzio   compite   a   nome   di   Dio, senza   che   la   sinistra   sappia   ciò   che   fa   la   destra.   E   voi,   miei   cari   sacerdoti   e   diaconi,   care religiose,   aiutate   con   tutte   le   forze   le   aggregazioni   dei   fedeli   laici,   sostenetele   con   la   preghiera, con    l’esempio,    con    l’aiuto    della    catechesi    e    dei    sacramenti,    con    la    simpatia    e    la    semina dell’unità.   Un’   urgenza      oggi,   che   non   si   può   assolutamente   rinviare,   è   rappresentata   dalla famiglia,   cellula   della   società   e   piccola   Chiesa   domestica:   lì   la   vita   umana   viene   concepita   e nasce,   lì   crescono   i   bambini,   i   ragazzi   e   i   giovani,   lì   si   amano   i   coniugi,   lì   si   forma   la   comunione tra   genitori   e   figli,   lì   si   curano   affettuosamente   anziani   e   ammalati,   lì   si   impara   ad   accogliere   i poveri   e   i   bisognosi.   Ebbene,   cari   fedeli   laici   associati,   mettetevi   a   servizio   delle   famiglie,   per accrescervi    la    fede    dove    c’è    e    ricominciare    dove    si    è    perduta.    Mettetevi    al    servizio    della famiglia   come   Dio   onnipotente,   Padre   misericordioso,   l’ha   pensata,   creata   e   nel   suo   Figlio Gesù   l’ha   redenta.      Mettetevi   al   servizio   delle   famiglie   in   difficoltà,   non   solo   economiche,   ma anche    matrimoniali,    stando    vicino    ai    fidanzati,    agli    sposi    separati,    ai    coniugi    che    hanno situazioni   relazionali   dolorose,   ai   figli   sofferenti   per   i   problemi   dei   genitori.   Aiutate   la   Chiesa   e la   società   a   riscoprire   la   bellezza   dell’amore   coniugale   unico,   fedele,   indissolubile,   fecondo. Aiutateci    sempre    di    più    nella    formazione    dei    ragazzi    e    dei    giovani,    pianticelle    delicate    e amatissime   dal   Signore:   si   attendono   da   noi   adulti   affetto,   incoraggiamento,   fiducia,   conforto, esempio,   fede,   letizia,   speranza.   Si   attendono   da   noi   il   nome   di   Cristo,   amico   degli   uomini   e gioia   della   vita.   Cari   fedeli   laici,   in   questo   mese   di   ottobre   in   cui   la   Chiesa   prega   per   e   aiuta   i missionari    e    le    missionarie    di    tutto    il    mondo,    in    questo    momento    in    cui    il    santo    Padre Francesco   è   missionario   di   pace   e   fede   in   Georgia   e   nell’Azerbaigian,   siate   anche   voi   più missionari   con   la   parola   e   le   opere   in   ogni   ambito   della   vostra   giornata.   Cari   fedeli   laici,   in questo   mese   mariano   del   Rosario,   guardate   alla   Vergine   Maria,   la   missionaria   di   Cristo,   pura   e santa;   incrementate   ovunque   la   preghiera   del   Rosario   e   la   devozione   alla   Madonna.   Lei   non   ci abbandona    e,    Regina    delle    Vittorie,    ci    assiste    con    la    sua    incessante    intercessione.    Miei carissimi,   vi   lascio   con   la   parola   più   famosa   della   patrona   delle   missioni,   S.   Teresina   di   Gesù Bambino,   di   cui   oggi   ricorre   la   memoria   liturgica,   “Nel   cuore   della   Chiesa   io   sarò   l’amore”,   siate anche   voi   cosi,   nel   cuore   della   Chiesa   e   dell’arcidiocesi   di   Acerenza,   nel   cuore   delle   vostre parrocchie   e   comunità,   nel   cuore   delle   vostre   famiglie   e   della   società   siate   anche   voi   l’amore, cioè l’infinita, ineffabile, amabile misericordia di Dio. Sia lodato Gesù Cristo! 
Archivio…

Nomina dell’Arcivescovo di

Acerenza - 20.5.2016

Il Santo Padre Francesco ha nominato Arcivescovo di Acerenza (Italia) Rev.do Mons. Francesco Sirufo, attuale Amministratore diocesano di Tursi-Lagonegro (Italia).
leggi tutto leggi tutto Benvenuto

Gloria al Padre, al Figlio e

allo Spirito Santo

Carissimi fratelli e sorelle, amati figli, venerati padri, «grazia, misericordia e pace siano con noi da parte di Dio Padre e da parte di Gesù Cristo, Figlio del Padre, nella verità e nell’amore (2Gv 1,3). Con queste parole della Scrittura saluto tutti i fedeli dell’antica, belle e celebre città e arcidiocesi di Acerenza, sia i sacri ministri che i cristiani laici. Saluto inoltre le spettabili autorità civili, di ordine pubblico e di sicurezza sociale, unitamente ai responsabili di istruzioni educative, culturali e sociali, che servono il bene comune dell’intera popolazione diocesana.
leggi tutto leggi tutto
Ordinazione Episcopale di S.E. Mons. Francesco Sirufo Tursi, 20 agosto 2016
galleria fotografica galleria fotografica

Omelia

Carissimi   fratelli   e   sorelle,   carissimi   figli,   amati presbiteri,    diaconi,        religiosi    e    religiose,    cari seminaristi,    ancora    spettabili    Autorità    di    ogni ordine    e    grado,    convenuti    qui    nella    famosa      basilica   cattedrale   di   Acerenza,   dal   cui   nome   e dalla   cui   fama,   secondo   alcuni   prende   nome   la stessa   Basilicata.   Sono   venuto,   siamo   venuti   in gioioso      pellegrinaggio      in      questo      Giubileo straordinario    della    misericordia,    in    questa    già tanto    amata    Città    e    in    questa        nobilissima Arcidiocesi,   per   invocare   indulgenza   e   pietà   dalla maestà     di     Dio     SS.     Trinità     Amore:     Cristo, misericordiae     vultus ,    volto    di    misericordia    del Padre,   non   ci   farà   mancare   la   luce   del   divino santo   Spirito.   Siamo   qui,   alla   cattedra   di   S.Canio, insignita       della       dottrina       del       vescovo       e imporporata del sangue del martire.
leggi tutto leggi tutto